Ecommerce Alimentare: Analisi di Mercato per Vedere Online

9

Mag 17

Ecommerce Alimentare: Analisi di Mercato per Vedere Online

PER VENDERE ALIMENTARI ONLINE SERVE PRIMA FARE UN’ANALISI

Se hai deciso di aprire un’attività online e vendere alimentari con un sito web e-commerce, beh, allora può essere utile che prenda in considerazione alcune cose prima di iniziare.

Avviare un e-commerce significa fare impresa

Può sembrarti un “modo” per provare a guadagnare, forse lo era 10 anni fa, oggi, se vuoi vendere alimentari, a prescindere se lo fai solo attraverso un’interfaccia web o se lo fai tramite un negozio fisico, stai avviando un’attività d’impresa. Questo comporta un capitale ed un investimento.

Avviare un e-commerce alimentare per vendere online

Se credi che una volta aperta “una finestra sul mondo” (come si diceva all’inizio delle dot com) le persone riescono a comprare da ogni parte del globo, sappi che non è così semplice. Le normative in materia di commercio UE ed Extra UE sono talvolta sconfortanti per i piccoli produttori, ancor di più per i piccoli rivenditori.

Il mio consiglio è che se vuoi vendere vino in Cina, fai prima ad avviare una società di import export in Cina (con un partner cinese) anziché provare a venderlo dall’Italia.

Oppure, cosa più saggia, costruire un circuito commercial “local”. Costruisci un portale in lingua cinese offrendo info sui luoghi da visitare in Italia, o nella tua Regione/città/paese e offrire loro un percorso di attività commerciali dove assaggiare bontà locali. Con le attività locali crei un’affiliazione dando loro gli strumenti per “vendere ai cinesi” in loco o tramite corrispondenza.

Come realizzare un progetto e-commerce: analisi e report

Per realizzare un progetto e-commerce alimentare ti consiglio di:

  • Iniziare con un’analisi del progetto e delle sue potenzialità commerciali [Leggi alcune tipologie di consulenza ? Consulenza e-commerce alimentare]
  • Sviluppare un business model rispetto ai progetti già esistenti
  • Avere uno staff che vi aiuti a (perché da soli è impossibile gestire un progetto e-commerce):
    • Costruire una struttura web efficiente per la vendita
    • Pianificare un budget pubblicitario proporzionato agli obiettivi
    • Costruire contenuti pertinenti alla propria attività che permettano di farvi trovare tramite i motori di ricerca
    • Sviluppare una strategia social costruendo connessioni

Quanto costa avviare un “piccolo” e-commerce alimentare

Se vuoi che ti dica la vera verità allora dovrei dirti che serve analizzare nei dettagli: Cosa, Come, Quando e con Quali risorse intendi iniziare per definire una pianificazione di costi da affrontare.

Se invece vuoi una cifra minima sotto la quale è difficile avviare e sviluppare un’impresa alimentare partendo da un e-commerce, posso semplicemente dirti che se consideri anche solo il costo del lavoro di 2 persone (1 senior ed un junior) che lavorano full time su un progetto dovresti considerare 60.000€ lordi l’anno + costi magazzino (il drop-shipping per iniziare te lo sconsiglio). [Leggi anche ? Come vendere alimentari online senza magazzino]

A questi devi aggiungere:

  • Costi struttura web e-commerce a partire da 5.000€ + costi gestione/aggiornamento/assistenza a partire da 2.000€ l’anno
    • Se non vuoi un sito e-commerce, ma appoggiarti solo ai marketplace, considera un costo di gestione annuo a partire da 4.000€
  • Budget pubblicitario a partire da 15.000€ l’anno
  • Costo contenuti a partire da 5.000€ l’anno
    • Se i contenuti “pensi” (speri) di riuscire a costruirli tu senza pagare nessuno, sappi che per iniziare devi considerare almeno 300 articoli da 600 parole
  • Consulenze varie a partire da 15.000€ l’anno (Seo, Marketing, Strategia Digital, Consulenza Fiscale etc)

A conti fatti, conviene fare un e-commerce per vendere alimentari “solo” online:

A conti fatti, vendere alimentari “solo” online non conviene perché, per quanto se ne dica, i volumi di acquisto sono ancora troppo bassi. È molto più conveniente avviare un’attività itinerante di vendita di prodotti tipici locali.

Alcune percentuali di riferimento per vendere alimentari, sia che lo faccia online sia che lo faccia in altri modi:

Se sei un produttore, considera che il margine di guadagno medio deve essere superiore all’ 80%

Se sei un rivenditore, considera che il margine di guadagno medio deve essere superiore al 40%

Il vero concorrente della vendita di alimentari online è la vendita di alimentari “local” soddisfatta da GDO e mini market.

Non farti illudere da storie di successo online di persone che vendono  alimentari partendo da zero (da verificare se veramente è così), la verità è che per scalare realmente le economie di scala serve che il ciclo di vendite sia elevato.

Una realtà molto interessante, invece, è quella del modello di vendita di distanza tramite la formula del credito anticipato. Un caso esemplare è quello del pastore sardo che vende il formaggio facendosi pagare in anticipo la produzione o di un produttore di olio che vende il frutto degli ulivi a persone che lo “curano” a distanza, sovvenzionando anno per anno il raccolto.

http://www.sardiniafarm.com/ (Primo progetto che ha lanciato la formula della vendita a distanza facendosi pagare in anticipo)

Guarda quanti progetti sono nati su questa idea -> Adotta un ulivo

Un consiglio ai produttori per vendere i loro prodotti online

Ciò che potrebbe convenire è l’aggregazione di più produttori che investono online su un portale per promuoversi e che permettano l’acquisto anche attraverso una distribuzione local di una rete di esercenti affiliati.

Leggi anche:

Spesa online del futuro

 

 

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Vuoi avere dati e statistiche per vendere online?

Noi ci occupiamo di analisi e sviluppo progetti e-commerce

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n.196/2003 (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale (Leggi condizioni)

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Bizzwai.it (Marketplace Alimentare) | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica)

  • Vendere Online con e senza Magazzino
    Vendere Online con e senza Magazzino
    17 febbraio, 2017

    VENDERE ONLINE OGGI Per vendere online, oggi, è necessario partire da un’analisi della concorrenza online. Questo ci permette di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *