Ecco perché l’ #EpicFail di McDstrories è stato un successo …

28

Gen 12

Ecco perché l’ #EpicFail di McDstrories è stato un successo …

Ecco perché l’ #EpicFail di McDstrories è stato un successo … a metà.

vai alla risposta

Chiariamo:

McDonald continuerà a vendere panini, nonostante un caso da social media.

I social media sono un supporto fantastico per le aziende, ma soprattutto per i responsabili marketing, di per testare il sentiment verso un brand o un prodotto. Trovo molto riduttivo etichettare un caso di social media come #EpicFail, semplicemente  perché non si analizza nel complesso ciò che accade quando un caso come quello di McDonald’s si espone all’attenzione dei bloggers e del web in generale.

epic fail mcdonald's stories mcdstories
2 semplici domande a chi pensa che i social media possano distruggere o peggiorare la reputazione di un brand:

  1. Credete che dopo l’#EpicFail McDonald’s ridurrà le vendite dei suoi prodotti?
  2. Credete che aver appreso il sentiment di persone che non sono clienti di McDonald’s possa ridurre, in termini di brand reputation, il valore del brand?

La risposta, evidentemente è no, in entrambi i casi.

Chi pensa il contrario non ha bene chiaro l’uso strumentale dei social media.

I casi di social media marketing come questo danno ancora maggior valore alle azioni  intraprese via social media perché aiutano a diffondere il potere mediatico del brand, perché testano il mercato globale e perché contribuiscono a ridurre l’ipotesi di poter comunicare in maniera non “reale” ciò che i consumatori invece già sanno. Prova ne è la dimensione di 14 Milioni di contatti sulla FanPage di Facebook, e la campagna di comunicazione i mille volti di McDonald’s.

Per rendere più semplice il discorso, chi mangiava da McDonald’s continuerà a farlo, a maggior ragione chi non lo faceva continuerà a non farlo, con la differenza che se non mangi da McDonald’s non esprimi ciò che pensi e chi si occupa di marketing non può quantificare la grandezza di quelli che non mangerebbero mai e perché. Non credo che chi abbia fatto partire l’iniziativa non temesse l’accanimento dei “non fan”.

Cosa significa tutto ciò in breve:

Semplicemente che i social media continueranno ad essere suddivisi su due livelli di comunicazione.

Il primo livello è quello strutturato da conversazioni nate dal basso che permettono una diffusione dell’informazione per clusters di persone connessi tra loro.

Nel secondo livello, invece, la comunicazione aziendale veicola messaggi pubblicitari cercando di intercettare il pubblico interessato. Questo è dimostrato dalla modalità di “attrazione” del brand nei social network, più il brand è conosciuto più è elevato il numero di persone che si connettono. Anche se poi bisogna saper comunicare sul web per trasformare le persone connesse in persone che realmente seguono, ma questo è un altro capitolo.
Di fatto, il brand sui social network veicola una comunicazione di persuasione che facilità i punti di contatto con le persone che già sono legate al brand. Difficilmente i social media aiutano la conquista di nuovi clienti per le grandi imprese, perché considerate entità enormi e con cui è difficile relazionarsi davvero.

Diverso invece è il caso di piccole aziende che possono invece impersonare la comunicazione via social media e facilitare quindi, non solo il rapporto con i clienti già acquisti, ma anche con quelli che potrebbero voler scoprire e conoscere i prodotti.

Il caso di McDonald’s è stato un successo a metà perchè ha ottenuto comunque un’informazione interessate per il marketing, ha reagito prontamente e continuerà a farlo migliorando le performance dalla lezione appresa. Si spera.

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Food E-commerce: Come Vendere Online
    20 Settembre, 2018

    Il food e-commerce sembra sia diventato una “moda”, ne sento parlare ovunque. Tutti vorrebbero vendere prodotti alimentari online. Diventa

  • Food Marketing [Il Metodo Online]
    30 Luglio, 2018

    Questo articolo nasce per 2 motivi: Perché è assurdo che Comunikafood non sia presente in una posizione decente in

2

2 commenti su “Ecco perché l’ #EpicFail di McDstrories è stato un successo …

  • Ed io sono d’accordo a metà :-). Vero che non sposta di molto il gradimento della massa dei consumatori MD; vero anche che ha dato informazioni preziose per il marketing, ma in questo caso io tenderei più a vedere una campagna messa in piedi in modo superficiale, senza ascoltare prima il sentimento online, tarando male gli obiettivi di comunicazione, e facendo una rovinosa “macchine indietro tutta”.
    Io francamente mi sarei aspettato qualcosa di più serio da un colosso come MD, ma è anche vero che si tende a valutare in modo errato i nuovi strumenti specie quando sono in mano al marketing…
    A meno che non si sia cercato il “purché se ne parli”… in questo caso direi che è stato un successone.

    • Ciao Paolo,

      in realtà più un’azienda è grande più è difficile comunicare e “sperimentare” azioni di marketing. Per questo motivo credo che nel caso di McD il successo sia dovuto ad una manovra di ridimensionamento del tutto. Questo manifesta un controllo, anche se poi possiamo discutere sulla superficialità dell’uso dei social media.

      Parlare però di EpicFail solo perchè è McD e quindi fa notizia credo sia il solito sistema per speculare su errori banali ma comunque ammissibili per un colosso gigante.

      Per comprendere meglio il caso bisognerebbe capire chi ha proposto l’idea, chi l’ha approvata e chi si occupava di gestirla….

      Da un lato vorremmo le aziende più social ma poi quando sperimentano li condanniamo nel peggiore dei modi. Io credo che McD abbia fatto un’azione adatta ad un social media, sfruttando l’onda dei suoi fan… è stata un’azione ingenua perchè doveva prevedere anche l’onda dei NON fan … ma questo complica e rallenta semplicemente il modo di poter sperimentare il web.

      Io direi che se non mangio McD non ha molto senso andare a criticare ciò che fa sui social media, tanto non è in quel modo che convinco chi è già fan a non esserlo più.

      È semplicemente un cattivo uso dei social media da parte di tutti, non solo delle aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.