5

Set 12

Il succo del problema: tassa sulle bibite

Junk foodE’ di pochi giorni fa la notizie che  il Governo vorrebbe tassare le bibite gassate.
Il  Ministro della Salute Renato Balduzzi ha confermato che la tassa verrà inserita nel prossimo Decreto Salute.
La strategia del Governo sarebbe quella di dissuadere con un aumento di circa 3 centesimi a bibita l’acquisto di bevande poco salutari.

Il problema è sentito in tutta Europa e anche in USA le cose si stanno lentamente cambiando. Nel giugno di questo anno la Walt Disney, proprietaria del canale Abc e di un pacchetto di canali via cavo, ha annunciato di voler eliminare gli spot di junk food (il cibo spazzatura) dalla loro programmazione.

Nell’articolo del Corriere della Sera che tratta di questa notizia si riportano alcuni dati sulla situazione italiana: secondo Gabriele Riccardi, presidente uscente della Società italiana di diabetologia (Sid), l’aumento di peso in ragazzi tra i 5 e i 15 anni è imputabile all’assunzione di bevande zuccherate e non direttamente a cibi poco salutari. La bevanda dolce abbassa l’appetito e al momento dei pasti ci si sente meno invogliati a mangiare cibi più nutrienti. Ipertensione e diabete sono solo alcune delle conseguenze più gravi di questo regime alimentare sulla salute.

Ricordo che nel documentario Super size me si parlava di come negli ultimi anni le catene di fast food americane avessero aumentato la porzione “small” di bibite e patatine, rendendole molto poco mini.

Questo come influenza il consumatore?
Naturalmente lo spinge a pensare che una porzione piccola di patatine sia effettivamente piccola, si sente rassicurato e l’acquista senza rendersi conto che sta assumendo una grande quantità di sostanze nutritive dannose alla sua salute.

Espongo la mia personalissima opinione su questi due casi.
Quale è la differenza tra l’operazione della Disney e quella del Ministero della Salute italiana? Che la Disney rinuncia a guadagnare soldi (d’accordo, ci guadagna in immagine!), il Ministero chiede altri soldi al contribuente… a carico dell’azienda si stima un prelievo di 7,16 euro ogni cento litri di bevande sul mercato. E’ vero, forse alcuni rinunceranno a bere la loro bibita preferita, ma siamo sicuri che sia perché pensa che il Ministero si preoccupa della loro salute?

Non ci sono ormai più molte cose non tassate in Italia! Una mia amica che gestisce un bar mi disse che l’introito maggiore derivava proprio dalle bottigliette di Coca Cola e simili e che da quando avevano messo i distributori automatici anche quel guadagno era fortemente calato.

Per ciò che riguarda lo Stato italiano, è stimato che l’aumento del prezzo porterà allo stato circa 250 milioni di euro l’anno.

Molti dei miei amici sentendo la notizia hanno esclamato: “Invece di aumentare il prezzo del junk food, perché non abbassano quello dei prodotti biologici?”

Brutta idea?

Conto i punti di domanda in questo intervento e mi rendo conto che vi lascio più interrogativi che certezze. Spero che mi scuserete e mi aiuterete aggiungendo anche le vostre opinioni ai miei “perché”.

Fonti
Link all’articolo del Corriere della Sera sulla Disney
Link all’articolo del Corriere della Sera sul Decreto

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

1

Un commento su “Il succo del problema: tassa sulle bibite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.