Negozio alimentare online | Food Coop | Digital Transformation

24

Feb 18

Negozio alimentare online | Food Coop | Digital Transformation

Questo articolo nasce da una richiesta sempre più frequente che mi viene fatta, pur se fatta con domande diverse, la necessità è sempre la stessa:

A tutte queste domande frequenti, purtroppo, la soluzione proposta come risposta è spesso poco sostenibile per la maggioranza della aziende agricole, dei “neo” imprenditori che vogliono investire nella vendita dell’olio evo, dei prodotti tipici o che hanno deciso di sviluppare una startup innovativa per vendere alimentari di nicchia online.

La difficoltà principale dello sviluppo commerciale è la mancanza di “ricerche online” per acquistare i prodotti alimentari online. A parte i casi in cui il prodotto è già conosciuto per altre ragioni, la vendita di cibo online rimane ancora un piccolo mercato su cui puntare. Diverso è, come leggerai sotto, trovare soluzioni trasversali per questo mercato.

Digital transformation: Avviare un e-commerce per vendere cibo online

La principale difficoltà di chi deve avviare un processo di digital transformation commerciale sta nel saper quantificare l’investimento adeguato alla propria impresa sulla struttura digitale.

Spesso si fa confusione perché si parte appunto dalla domanda sbagliata: Quanto costa un e-commerce?

La verità è che il costo più rilevante dell’e-commerce NON sta nella struttura web, ma nella costruzione efficiente dei processi, nella costruzione dei percorsi che portano alla scoperta dello shop online (anche attraverso punti vendita e comunicazione esterna al web).

L’e-commerce, quindi, non è assolutamente un “pacchetto” da comprare, un “prodotto” finito, ma un processo di sviluppo costante, che richiede competenze di gestione e di analisi avanzate per decidere in maniera decisiva la attività ed i costi da apportare per ottenere il massimo profitto.

Il massimo profitto, contrariamente a quanto si pensa, non sta nella singola vendita, ma nell’acquisizione di clienti fidelizzati che comprano nel tempo e convincono spontaneamente altre persone e comprare da te. Leggi come calcolare il ROI per un e-commerce.

Quale piattaforma e-commerce scegliere

Fatta questa doverosa e noiosa premessa, passiamo ai fatti: A te interessa sapere come devi procedere in maniera efficiente senza rimanere impantanato nel processo di sviluppo che richiede competenze, anche tecniche, per comprendere i tecnici.

I danni peggiori che ho visto sono generati, appunto, dalla superficialità nel valutare il processo di startup, passando magari da un consulente che possa suggerire quale possa essere la soluzione più adatta alla propria realtà di partenza. 

E-commerce: Vuoi sapere il primo passo falso?

Farsi sviluppare un e-commerce senza essere seguito da un consulente, perché spesso si sceglie solo in base al “quanto costa fare un sito?”

Non voglio portare acqua  mio mulino, se può servire per conferma, io lavoro con web agency che propongono soluzioni e-commerce. Proprio per questo motivo, nel tempo, ho compreso quale sia il principale limite di chi si approccia al mondo e-commerce senza avere competenze di sviluppo progetti online.

Nella migliore delle ipotesi ti ritroverai in mano con una struttura e-commerce fatta “montando” un template di Magento o un template di WordPress o un template di Prestashop o Drupal o, peggio, ancora sarai legato mani e piedi da un CMS di proprietà della web agency.

La questione NON è se Magento è meglio di WordPress e viceversa (per qualsiasi piattaforma soprascritta), ma nell’aver investito soldi in un qualcosa di cui non sia ha la minima idea di come si debba “guidare” se non cercare di rattoppare errori fatti in precedenza.

La questione principale da affrontare è: Quali sono le disponibilità finanziarie per affrontare questa traversata in mare aperto?

Eh, già, si torna sempre lì, inutile che sbuffi e che fingi di darmi cifre senza logica, perché tutto parte da lì.

Se tu hai 10.000€ per iniziare (costi di avvio impresa a parte) e ti fai suggerire di installare Magento e per risparmiare lo fai installare con 2.000€ (e già ti sembra di aver speso come se avessi comprato una casa in centro a Milano) è chiaro che il tuo progetto sarà fallimentare. Fermati! Non buttare quei soldi, non andrai da nessuna parte.

Se tu hai 10.000€ e lo dichiari in maniera trasparente ad un consulente PRIMA ancora di comprare un dominio web, allora il consulente dovrebbe consigliarti quale sia la soluzione più adatta, tra cui anche quella di “lasciar perdere” se oltre alla base finanziaria mancano anche tutta un’altra serie di condizioni per iniziare.

Almeno, io faccio così, sconsiglio di avviare un’attività commerciale se non ci sono le basi per cominciare. Io non vendo siti web, non ho interesse a proporre soluzioni che non stanno in piedi. Propongo di affidare i lavori alla mia squadra, solo se non hanno già dei loro riferimenti. In quel caso sono disponibile a seguire i lavori dall’esterno.

Negozio alimentare online: Come iniziare con 10.000€?

Premesso che 10.000€ sono un budget con cui puoi fare veramente poco, se hai intenzione di sviluppare un’azienda, ma è giusto anche che ti offra una visione di cosa è possibile fare con questo budget e come sfruttarlo al meglio.

La prima ipotesi è che la tua attività sia quella di “segnalare” degli acquisti e guadagnare dalla vendita con il modello delle affiliazioni. In termini di sviluppo il costo sarebbe investito principalmente nei contenuti da promuovere.

Per farlo ci sono diversi sistemi, tra questi sicuramente il più conosciuto è quello di scalare le varie serps e ottenere traffico referenziato dai motori di ricerca. Oggi, però, questo modello è costoso, richiede risorse importanti per ottenere del traffico realmente soddisfacente e funzionale a generare guadagni rilevanti con le affiliazioni.

In tal senso, i prodotti su cui potresti guadagnare di più con le affiliazioni nel settore alimentare, sono gli integratori alimentari (Vedi affiliazione Energyfood), prodotti naturali (Vedi affiliazione Sorgentenatura) o nicchie alimentari (Affiliazione Cibocrudo) o ancor meglio affiliazione con i prodotti caricati su Amazon (Vedi ad esempio categoria vino).

Se vuoi una dritta su quali contenuti investire oggi, prima degli altri, ti suggerisco di puntare su argomenti che offrono delle soluzioni ad un problema, possono essere legati al tema della dieta alimentare, come anche alle ricorrenze, vedi esempi dei cesti natalizi,

Vendere online con e-commerce: Come iniziare in maniera “smart”

Non esiste una soluzione standard, ma ritengo utile segnalare che esistono delle soluzioni tecniche realizzate apposta per soddisfare il bisogno di persone che non vogliono perdere tempo nella tecnologia e vogliono concentrarsi sullo sviluppo del business e investire di più in strategia e marketing.

No, non sto dicendo affatto che avere una struttura web propria, custom e performante sia obsoleto, dico semplicemente che spesso non è questa la priorità per sviluppare un progetto commerciale online. 

Come spiego anche nel video di seguito, per vendere online basterebbe anche un centralino telefonico o una chat.

Soluzioni e-commerce “flessibili”: Esempio Storeden per vendere vino online o prodotti di nicchia

Rispetto alle soluzioni che possono essere utili, segnalo un realtà italiana che si chiama Storeden

Nel video una storia raccontata da chi produce prosecco


Rispetto alla piattaforma Storeden ci sono delle funzionalità che tornano utili alle imprese che decidono di investire online “decentralizzando” lo sviluppo IT, utilizzando appunto soluzioni Saas come Storeden, tra queste la possibilità di avere un marketplace che permette di aggregare i prodotti presenti all’interno dei singoli stores, la sincronizzazione per vendere anche su Amazon, Ebay e integrarlo in una pagina Facebook.

Ci sono funzionalità di semi automazione come il recupero di carrelli abbandonati (nel piano Business) che ritengo molto importante per chi ha un e-commerce oggi. Leggi altre caratteristiche sul loro sito web.

Si tratta di una soluzione sia per chi è in fase di startup, sia per chi trova funzionale la struttura offerta online come soluzione integrata e vuole dedicarsi pienamente al progetto, affidando un budget sostenibile alla piattaforma tecnologica e concentrandosi pienamente al marketing ed alla logistica (altro punto critico del processo di vendita online). Quest’ultima potrebbe essere risolta utilizzando la logistica di Amazon (soprattutto per i Paesi esteri).

Come guadagnare vendendo vino e prodotti alimentari: Idee innovative

L’idea che tu possa trasformarti in un rivenditore di successo online è un’ipotesi molto remota, se non hai delle reali capacità di spesa nello sviluppo del progetto. Rivendere online prodotti di altri facendo magazzino è un’attività che richiederebbe dei margini di guadagno sicuramente superiori al mercato alimentare.

Se anche fossi bravo a rivendere, potresti riuscire ad ottenere un margine del 60% su alcuni prodotti, ma altre queste percentuali saresti fuori mercato. Per cui l’unico vero modello commerciale da seguire sarebbe quello molto più simile ad un supermarket e non ad un negozio di nicchia specializzato.

Se però costruisci la tua presenza online come un vero punto di riferimento nel suggerire delle soluzioni d’acquisto, allora il tuo modello di azione deve essere snello, veloce, devi concentrarti sul fornire informazioni utili per chi,a d esempio, soffre di intolleranze, ci vuole scegliere dei prodotti per cui serva avere una consulenza, pensa ai vini pregiati, ad oggi, esistono davvero pochi riferimenti online, oltre le rubriche dedicate al vino, di consulenti d’acquisto di etichette pregiate.

Ecco, tu potresti costruire il tuo business vendendo prodotti su cui il margine di guadagno è variabile in funzione della tua capacità mediatica, di saper tessere relazioni ed essere autorevole.

Per farlo, certamente dovresti puntare di più sulla costruzione della tua audience principalmente attraverso strumenti di comunicazione video, piattaforme di sharing come Medium, costruire una tua App mobile sfruttando un sistema di App Builder che ti permette di avere in poco tempo un app mobile nativa o progressiva con un costo sostenibile in abbonamento. (Se ti serve sapere come realizzare una app mobile con app builder, contattami per una consulenza).

Il tuo modello, quindi, sarà quello di costruire una community di appassionati intorno ad una categoria di prodotti.

Food Coop e modelli di aggregazione d’acquisto

Un processo di digital transformation rilevante, sono le community d’acquisto online, persone che si organizzano per selezionare ed acquistare in gruppo e/o costruire organizzazioni di mutuo aiuto per sostenere meglio i costi di gestione del magazzino (è appunto il caso del documentario Food Coop).

Progetti food online: Cosa manca oggi

Ad oggi, infatti, ho trovato online davvero pochi progetti che propongono un modello di acquisti di gruppo in maniera efficiente. Pensare alle persone e non alla struttura e-commerce. Dove concentrarvi sulle necessità.

Oggi c’è necessità di “ridurre” gli sprechi, perché non lavorare nel trovare una soluzione in tal senso?

La tecnologia è solo un mezzo per rendere più efficiente la soluzione.

Guarda  un progetto davvero eccellente: Il Bosco di Ogigia

 

Vendere il vino di altri con un App

Ad esempio, conosci Vivino? (Vedi sito web) L’app mobile nasce offrendo una soluzione “semplice” per fornire informazioni sul vino scansionando l’etichetta della bottiglia. Bene, oggi questo progetto ha avuto finanziamenti per 20 milioni di dollari per crescere e svilupparsi. L’idea è quella che il sistema proposto da Vivino sia un modello di e-commerce trasversale che acquisisce lead e permette di acquistare attraverso un prodotto fisico, come la bottiglia di vino.

 

E-commerce food: Come muoversi e su quale servizio puntare

Se sei arrivato a leggere fin qui, ti sono grato, spero che fino adesso hai trovato degli spunti di riflessione utili, ma adesso arriva il bello di tutto, il gran finale, il suggerimento che può cambiarti la prospettiva se stai ipotizzando di iniziare a vendere online in questo mercato, ma non sei un produttore;

La soluzione che propongo è quella di sviluppare un progetto che punta ad integrarsi con i punti vendita, fornendo un sistema di affiliazione basata sul suggerimento d’acquisto di prodotti alimentari, vino ed olio di tuo interesse.

Le persone si trasformano in local “influencers”** e lo diventano solo se lo meritano grazie al riconoscimento della comunità locale. Questo sistema crea un modello di rete commerciale per affiliazione in un mercato come quello alimentare, governato dalla prossimità d’acquisto e dal passaparola dell’opportunità.

Questi “influencers” avranno il compito di raccogliere ordini di gruppo e assumere il ruolo di stoccare la merce acquistata da terzi. Il tutto può essere svolto attraverso sistemi di listing e notifiche push su cellulare. Le persone coinvolte avranno la possibilità di accettare o meno la proposta d’acquisto offerta dall’ “influencer” locale.

Per evitare sovrapposizioni territoriali, ogni influencer avrà un’esclusiva in relazione alla proporzione della popolazione, ma potrà avere dei collaboratori che potranno lavorare per conto suo.

In questo sistema, le aziende avranno la possibilità di inserirsi in località territoriale difficili da raggiungere e riconosceranno una commissione nel caso in cui il prodotto verrà fornito anche nei punti vendita attraverso la sua intermediazione o anche semplicemente per contatto diretto tra commerciate ed azienda. Pena esclusione dell’azienda dal circuito della piattaforma.

 

** persone che agiscono localmente aggregando la domanda di più persone affiliate a lui

Che ne pensi?

Credit foto: handmadecanadianmustards.foodpages.ca

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto da realizzare?

Vuoi promuoverti all'estero?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce, contattaci per un confronto.

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Food E-commerce: Come Vendere Online
    Food E-commerce: Come Vendere Online
    20 settembre, 2018

    Il food e-commerce sembra sia diventato una “moda”, ne sento parlare ovunque. Tutti vorrebbero vendere prodotti alimentari online. Diventa

  • Dati E-commerce Food
    Dati E-commerce Food
    18 settembre, 2018

    Stai cercando dei dati di mercato dell’e-commerce food? Nei troverai tante di statistiche online, alcune sembrano davvero ottime, i

  • E-commerce alimentare: Requisiti
    E-commerce alimentare: Requisiti
    17 settembre, 2018

    I requisiti per avviare un e-commerce alimentare Per vendere alimentari online con un e-commerce serve: Avere una p.iva commerciale

  • Food Marketing [Il Metodo Online]
    Food Marketing [Il Metodo Online]
    30 luglio, 2018

    Questo articolo nasce per 2 motivi: Perché è assurdo che Comunikafood non sia presente in una posizione decente in

2

2 commenti su “Negozio alimentare online | Food Coop | Digital Transformation

  • ottimo sito complimenti davvero per il risorse che offrite…

    • Grazie, ci fa davvero piacere che lo apprezziate.

      Magari potremmo scrivere un pezzo per il vostro magazine online, se vi piace l’idea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.