Piano editoriale per e-commerce alimentare

piano editoriale per e-commerce alimentari
Piano editoriale per e-commerce alimentari

Cosa si intende per piano editoriale per un progetto e-commerce alimentare

Spesso ho la sensazione che non sia ben chiaro il ruolo del piano editoriale all’interno di un progetto commerciale online. Per questo motivo provo a riassumere meglio il ruolo del piano editoriale per un progetto e-commerce, nel caso specifico, un e-commerce di alimentari, quali devono essere gli obiettivi da raggiungere, come farlo seguendo un metodo commerciale e non solo creativo.

Piano editoriale per e-commerce alimentare: Il ruolo di produrre lead

Il piano editoriale per un e-commerce alimentare è parte di una strategia commerciale e rappresenta l’esecuzione del piano di comunicazione, che a sua volta, è il modello che ne definisce il tono, lo stile e gli aspetti di distribuzione online differenziando il blog dai social media, la comunicazione video da quella scritta, la comunicazione del prodotto da quella dell’azienda.

Il piano editoriale per un progetto e-commerce, spesso, si costruisce sulla base di argomenti che sono sì in linea con il progetto e-commerce, ma che non produrranno risultati nella generazione di un traffico qualitativo verso il proprio sito web.

Il ruolo del piano editoriale è di costruire legami

A differenza di quello che credono erroneamente in molti, infatti, non si tratta di dare spazio creativo alla scrittura, dove dare spazio alla propria vanità culturale, ma una vera e propria struttura di contenuti che devono costruire, tra loro, un network semanticamente connesso e focalizzato a attrarre le persone che stanno facendo ricerca da qualsiasi strumento, tra questi sicuramente il più importante è il motore di ricerca come Google, Bing, ma anche il motore di ricerca di Facebook, Amazon, Youtube etc.

Quando scrivi online devi seguire sia la logica con cui le persone cercano informazione online (search intent) , sia seguire una struttura gerarchica del testo, sia elaborare un testo che lasci il segno nella mente del lettore.

Se cerchi online  “Come vendere alimentari online” o meglio ancora “migliori e-commerce food” o tante altre formule di ricerca, troverai sempre Comunikafood presente in prima pagina su Google, il motivo è semplice, volevamo farci trovare da chi cercava queste informazioni, ed eccoci qua. Se ci siamo riusciti è perché sappiamo quale sia il metodo da applicare per ogni singolo progetto. Il metodo rimane uguale, la tecnica di azione può essere diversa.

Le persone che leggono un testo, in realtà, non lo leggono, ma lo scansionano trovando punti focali di lettura.

La lettura su un schermo, desktop, table o mobile, deve essere guidato, deve condurre il lettore a comprendere la struttura del contesto oltre che del contenuto. Ci sono degli obiettivi limiti sensoriali tecnici che devono essere alleggeriti e devono permettere alla persona di tornare a trovarti con facilità.

Per facilitare il ritorno si usano tecniche di re-marketing, offerte con modelli di lead magnet e attivazione di strumenti di fidelizzazione, come notifiche push, iscrizione a community (A proposito, iscriviti alla nostra community Fatti di e-commerce alimentare).

Cosa scrivere per far trovare un e-commerce che vende prodotti alimentari online

L’idea da cui devi partire è che non devi scrivere la nuova Divina Commedia, devi essere molto concreto, pratico. Il tuo scopo è farti leggere, sì, ma in realtà il tuo scopo finale è acquisire un cliente. Per cui sii onesto con te stesso, credi davvero che pubblicare ricette sia la strada corretta per vendere cibo online. Chi cerca ricette online? Quanti concorrenti ci sono sulle varie serps? Quanto devi investire per ottenere risultati discreti che producono traffico?

A meno che tu non venda gadget da cucina, allora ti consiglio di lasciar perdere le ricette come piano editoriale per il tuo e-commerce.

Esempio: Piano editoriale per vendere mozzarella di bufala

Ti propongo invece di seguire la strada del racconto e della scoperta. Le persone che cercano online lo fanno prima di tutto per scoprire cose nuove, se vendi mozzarelle di bufala, è molto importante che tu sia tra i primi risultati per la ricerca “come si produce la mozzarella di bufala”, ma soprattutto per:

  • Mozzarella di bufala calorie
  • Mozzarella di bufala campana
  • Mozzarella di bufala valori nutrizionali

Ed ovviamente anche per la ricerca secca “Mozzarella di bufala”.

Ad oggi ci sono già dei siti e-commerce ben posizionati per questa ricerca, alcuni anche per strutturati. Motivo per cui, riuscire a lavorare su un piano editoriale che permetta di portare traffico di qualità verso il tuo portale e-commerce dove vendi (anche) mozzarelle di bufala è più complesso che lavorare ad un piano editoriale su un e-commerce che vende solo ed esclusivamente mozzarelle di bufala.

Ciò non significa che in entrambi casi non sia possibile adottare differenti strategie per raggiungere il risultato, tra questi anche la possibilità, nel caso ne valesse la pena, di verticalizzare un portale sulla mozzarella di bufala ed inserire al suo interno link e riferimenti dove acquisarla (quindi verso il tuo portale e-commerce di prodotti alimentari)

Come si definisce un piano editoriale che produce risultati

Il piano editoriale si definisce in funzione di:

  • Degli argomenti che interessano alla persone
  • Dalla struttura dei risultati offerti da Google per i singoli argomenti di ricerca (queries di ricerca)
  • Dalla competitività
  • Dall’analisi dei contenuti scritti da altri prima di te
  • Dalla struttura di link interni ed esterni dei tuoi concorrenti nelle varie serps
  • Da come si decidere di impostare il posizionamento commerciale per il progetto e-commerce
  • Obiettivi commeciali
  • Budget e risorse per finanziare il piano editoriale

Se vuoi un esempio di quantificazione, basta che ci scrivi segnalando quale sia il tuo obiettivo da raggiungere e noi ti stimiamo il piano editoriale adatto, le risorse necessarie e la struttura per portarlo avanti con efficienza.

Se invece sai già quale sia il limite del tuo budget che potrai dedicare al piano editoriale, indicaci il budget che puoi destinare al piano editoriale e noi ti daremo istruzioni di come impostarlo e quali risultati potrai raggiungere con le tue risorse.

Cosa ti possiamo offrire con il nostro piano editoriale per e-commerce

Il nostro supporto è composto in varie attività, tra queste, la possibilità di costruire degli argomenti verticali sul nostro portale Comunikafood che riguardano il tuo mercato. Per farlo, studiamo prima la concorrenza online, ti forniamo il piano editoriale e ti permettiamo di scriverlo attraverso il nostro blog.

Questa possibilità può tornare utile qualora tu non abbia già un blog performante o non hai le risorse da dedicare per renderlo performante come dovrebbe. In alternativa, potrai sfruttare il nostro piano editoriale ed inserirlo nel tuo blog dopo che ti abbiamo dato i suggerimenti per ottimizzarlo a dovere.

Altra possibilità è quella di utilizzare il nostro network di siti partner per costruire una rete di contenuti funzionali a determinati obiettivi. Possiamo sicuramente valutarne la possibilità e sostenibilità dell’operazione.

Se ti serve la dimostrazione di quale sia il nostro grado di preparazione, la risposta ce l’hai sotto gli occhi. Se sei arrivato fin qui non è un caso, abbiamo costruito le strade affinché ciò accadesse. Lo stesso metodo lo applicheremo per supportare la tua attività commerciale online.