Posizionamento Online per E-commerce Prodotti Tipici Toscani: Esempio

28

Set 17

Posizionamento Online per E-commerce Prodotti Tipici Toscani: Esempio

E-COMMERCE PRODOTTI TIPICI TOSCANI: POSIZIONAMENTO ONLINE DIVERSO DA FARE SEO

Quando si parla di posizionamento online si pensa sempre al posizionamento sui motori di ricerca, ma l’esempio che voglio condividere con voi non ha nulla a che fare la metodologia seo tradizionale che punta a rendere un sito web più performante sui motori di ricerca al punto da piazzarsi sempre nelle migliori posizioni della serp.

Se vuoi fare un corso seo gratuito ti consiglio questo ebook: Corso Seo Online

 

Il posizionamento online è un concetto più ampio della seo, significa posizionare un’attività commerciale online in modo che venga riconosciuta, identificata e cercata direttamente sui motori di ricerca con precisione.

Per essere più chiaro vi mostro un esempio molto interessante: È il caso de All’Antico Vinaio

 

COME POSIZIONARE UN’ATTIVITÀ ONLINE: ESEMPIO ALL’ANTICO VINAIO (senza e-commerce)

[su_youtube url=”https://youtu.be/xWaolcnI6Og”]

Il caso di cui voglio parlarvi è di una vineria e bottega alimentare a Firenze che si chiama All’Antico Vinaio che in pochi anni di attività di comunicazione online è riuscito a rendere più conosciuto il suo locale.

Sì, certo, si trova nel centro di Firenze, facile, direte voi! Ma è anche vero che a Firenze è pieno di locali simili All’Antico Vinaio e vi assicuro che la qualità dei prodotti è molto alta un po’ dappertutto. Quindi su questo piano, pur avendo a favore la posizione della sua attività è anche vero che è in concorrenza con molti altri che offrono prodotti molto simili ai suoi e che sono vicini a lui, se non sulla stessa strada.

Fatta questa premessa, provo a darvi degli punti di riflessione su COME il proprietario Tommaso Mazzanti è stato molto bravo nel saper comunicare prima e meglio di altri l’identità del suo locale.

Parliamoci chiaro, qui non si sta parlando di McDonald’s con capitali e budget pubblicitari da capogiro, qui si sta parlando di una piccola (come dimensioni) bottega di Firenze che con l’avanzare della concorrenza, dei Kebabbari, della pizza al taglio e di tutte le leccornie toscane ha dovuto darsi da fare per comunicare la sua offerta, oltre il volantinaggio, oltre la pubblicità tradizionale.

Allora è utile prendere il suo esempio, non per copiare, non per replicare le stesse azioni, ma per capire la logica con cui è necessario muoversi online.

Per questo motivo provo, in maniera ironica, ad immaginare degli scenari di incontri che Tommaso Mazzanti potrebbe essere andato incontro se avesse deciso di trovare delle soluzioni diverse da quelle intraprese e si fosse fatto coinvolgere dai mille consigli di web marketing.

SE “ALL’ANTICO VINAIO” INCONTRASSE UN SEO

Immagino che se Tommaso Mazzanti avesse ingaggiato un Seo gli avrebbe spiegato che un sito web deve essere posizionato per quelle che sono le ricerche che le persone fanno online e poi provare a costruire dei contenuti che generano affiliazione.

Il problema è che le ricerche che potrebbero essere interessanti per l’attività alimentare di Tommaso sono già presidiate sui motori di ricerca, da portali di recensioni come Tripadvisor, portali di informazione turistica e contenitori di informazione su Firenze.

La strada per il posizionamento sarebbe lunga, costosa e poi non avendo nulla da vendere attraverso sito web, a cosa servirebbe? Per farlo conoscere? A che costo? Meglio una local search con Google My Business Page + Facebook Page Local + Google Maps + Piazzarsi sui portali turistici

Non voglio dire che non sia utile fare seo per un progetto online come All’Antico Vinaio, ma che in base alla tipologia di attività, risorse e sostenibilità del progetto, non sarebbe la prima attività su cui mi concentrerei.

In una fase di espansione del progetto, magari, proverei a fare uno shop online di vendita prodotti tipici toscani. Allora, a quel punto, sì che converrebbe fare un progetto seo e lavorare studiando le query di ricerca, la concorrenza online etc. Fino ad allora, sarebbe un’attività utile, ma dispendiosa rispetto al beneficio che ne godrebbe nel breve termine.

Tagliere prodotti tipici toscani da All'Antico Vinaio
Vendere prodotti tipici toscani online: esempio e-commerce per un punto vendita come All’Antico Vinaio
Photo credit: Kent Wang via Visualhunt.com /  CC BY-SA

ALL’ANTICO VINAIO: ESEMPIO PER STREET FOOD E ATTIVITÀ ALIMENTARI

Tommaso, immagino consigliato o suggestionato da un’attività Social, ha iniziato a produrre contenuti, prima sotto forma di foto, poi di video. Ma soprattutto, ha capito prima di altri che la recensione online di un’attività alimentare come la sua è come una moneta virtuale che incrementa il valore del posto. Quindi, a differenza di tutti gli altri, che sono sempre con il piede di guerra contro Tripadvisor e sistemi di recensioni, ha iniziato a ricevere migliaia di feedback positivi da persone di tutto il mondo, al punto che nel 2014 è stato il locale street food più recensito al mondo (almeno così leggo dal loro sito).

[su_heading size=”14″]Cosa immagino abbia determinato il successo di Tomaso e della sua attività:[/su_heading]

In primis, il suo staff, senza uno staff che ti supporta non vai da nessuna parte, neanche online!

Poi sicuramente il suo accento toscano lo aiuta, la sua faccia da “simpaticone” lo rende un personaggio piacevole da vedere, ma non è questo che basta, se no potrebbero farlo tutti!

[su_heading size=”14″]I numeri de All’Antico Vinaio:[/su_heading]

+ 2 milioni di view solo dai video su Facebook

+ 150Mila persone connesse alla pagina de All’Antico Vinaio

+ 10Mila persone connesse alla sua pagina personale 

+  45Mila Follower su Instagram

+ migliaia di ricondivisioni

+ 4.500 recensioni sulla pagina facebook

+ 20.000 recensioni su Tripadvisor

+ 700 recensioni su Yelp (La media è di 50 recensioni per attività come la sua)

+ 2900 recensioni su Google My Business Page

[su_heading size=”14″]Qual è l’elemento chiave che determina questi numeri?[/su_heading]

I motivi sono senza dubbio legati alla bontà dei suoi prodotti tipici toscani, ma anche dal fatto che è riuscito prima e meglio degli altri a comunicare un prodotto “comune” a Firenze, come la schiacciata ripiena di salumi toscani, e renderlo qualcosa da mostrare ad altri e sapete perché è diventato “social”:

[su_highlight background=”#ffec82″]Perché riempie la schiacciata in modo che (quasi) nessuno fa, e lo mostra con orgoglio! Suggestionando e coinvolgendo altri a farlo come se fosse un rituale di casa![/su_highlight]

Le persone percepiscono la sua passione per il lavoro, per la cura di ciò che fa e del fatto che non lo faccia per arricchirsi “risparmiando” sul prodotto o rifilando prodotti di bassa qualità perché “tanto chi li rivede più a questi“. Ma investe su tutto ciò che ha: Un locale (Sono 3 a Firenze), la sua simpatia e la voglia di trasmettere il suo lavoro ad altri.

Può sembrarvi tutto molto banale e scontato, può sembrare retorica, che di fatto il  marketing online è altra cosa:

Sì, certo, tutto giusto, ma la storia che volevo raccontarvi è proprio così, banale, semplice, ma che segue una logica di marketing online sostenibile per un’impresa alimentare che cresce.

E-COMMERCE PRODOTTI TIPICI TOSCANI: INVESTIRE SU ATTIVITÀ GIÀ PRESENTI ONLINE COME ALL’ANTICO VINAIO

(premesso che questa è una mia idea e che non ho nessun rapporto di lavoro con All’Antico Vinaio o vantaggio nel proporla come idea)

Se state pensando di aprire un e-commerce di prodotti tipici toscani, il mio consiglio (spassionato) è di non buttare i soldi in un sito e-commerce di prodotti alimentari toscani nuovo, che è tutto da posizionare, che ha necessità di un investimento per la promozione, ma di provare a ragionare su un progetto da proporre a Tommaso, investendo sul suo brand e sulla sua attività gestendo voi un e-commerce di prodotti tipici toscani per lui. Il vantaggio sarebbe win-win e, pur se possa sembrare un cosa illogica, di fatto sarebbe la migliore idea che potrei suggerirgli per non fare l’ennesimo sito e-commerce di prodotti tipici toscani che dopo 2 anni di vita e soldi spesi deve chiudere.

Se l’idea ti piace, spero un giorno di poter lavorare al progetto dell’ e-commerce di prodotti tipici toscani, e provare a convincere Tommaso che sia la scelta vincente anche per lui.

ALTRI ESEMPI

Altro esempio similare di come fare posizionamento commerciale nel settore alimentare (oltre) il sito web: Vivalafocaccia – Come vendere farina e lieviti online

 

Credit Immagine Cover del Post: Dal sito web allanticovinaio.com

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto da realizzare?

Vuoi promuoverti in Germania?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Noi ci occupiamo di analisi e sviluppo progetti e-commerce, contattaci per un confronto.

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n.196/2003 (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale (Leggi condizioni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *