Preventivi E-commerce – Quanto Serve Per Iniziare A Vendere Online?

16

Mag 13

Preventivi E-commerce – Quanto Serve Per Iniziare A Vendere Online?

I costi per iniziare a vendere online i tuoi prodotti alimentari sono determinati da più fattori.

 

Per semplificare, ti indicherò dei costi generici, basati sulla mia esperienza, che serviranno per orientarti.

Per darti una forbice di prezzi utilizzerò tre figure tipiche di chi lavora online:

  • Tuo cugino – Quello che ne capisce di computer e che vuole farti risparmiare.
  • Il freelance – che lavora con una p.iva, spesso collabora con web agency, ma si procura anche direttamente i lavori
  • Team Web Producers (TWP) – è la forma più evoluta delle web agency. Più professionisti operano insieme su singoli progetti, abbattendo i costi di produzione delle strutture fisiche, tipo le classiche agenzie web. Il vantaggio di scegliere un team sta nelle fasi di produzione del lavoro. Generalmente si occupano della gestione completa di un progetto online.

Metti Mi Piace

I costi per avviare un’attività online sono da considerarsi suddivisi per categorie:

Grafica, Design, Software, Gestione, Promozione

  • Grafica

Per vendere online, banalmente, ti servirà un logo, in modo da essere riconosciuto più facilmente.

  1. Tuo cugino, può chiederti una cena in cambio, ma ti dovrai accontentare dei suo limiti
  2. Un freelance, può chiederti per un logo dai 600€ a salire
  3. TWP, può chiedertene dai 1300€ a salire

 

  • Web Design

Per il design del sito, cercando di renderlo più adatto alla navigazione utente.

  1. Tuo cugino ti proporrà dei template gratis, o a pagamento trovati online. Prezzo variabile da 60 a 350€ compreso il montaggio del template e l’acquisto di uno spazio hosting
  2. Un freelance, può chiederti dagli 800€ a salire
  3. TWP, può richiederti 1500€ a salire
  • Software Ecommerce

Per vendere online serve avere uno strumento che faciliti l’acquisto attraverso la piattaforma web. Il cosiddetto carrello digitale.

  1. Tuo cugino ti proporrà forme di vendita tipo Ebay, per avviare e sperimentare il business.
  2. Un freelance, ti proporrà soluzioni più personalizzate di e-commerce e costerà a partire da 2000€ a salire. Ci sono anche soluzioni molto più semplici ma che vanno valutate caso per caso.
  3. TWP, per un progetto e-commerce, curato nei dettagli si parte da 4000€ a salire. per progetti complessi può costare molto di più.
  • Gestione contenuti

Essere online, come abbiamo ripetuto più volte, è una questione anche di contenuti. Se li produci da solo, dovrai investire del tempo, e non poco. Se ti farai aiutare dagli altri potrai spendere quanto segue:

  • Articoli sul blog
  1. Tuo cugino, in cambio dei tuoi prodotti, qualche salume, bottiglia di vino e qualche formaggio, potresti cavartela.
  2. Un freelance, con un’esperienza di copywriting ottimizzato per il posizionamento costa dai 15€ a salire per ogni articolo. Online trovi anche chi li scrive a 50 cent. dipende dalla qualità e da cosa devi veicolare tramite i contenuti.
  3. TWP, farà un costo cumulativo proponendoti pacchetti di articoli mensili, 10 articoli 300€ a salire.
  • Gestione Social
  1. Tuo cugino, ti chiederà 99€ al mese
  2. Un freelance, generalmente chiede dai 300€ a salire, a seconda di ciò che deve fare e che risultati sa ottenere
  3. TWP, può chiederti anche 600€ a salire. Generalmente più persone producono contenuti ed ottengono più facilmente risultati visto il lavoro di squadra che possono generare.

 

  • Promozione Online

La pubblicità online ha un costo relativo ai propri obiettivi di vendita. Ti dico in generale quanto è necessario tenere in conto per avere una discreta pianificazione e ritorno.

  1. Tu cugino, ti chiederà il costo effettivo della campagna più qualche centinaio di euro per gestirla.
  2. Un freelance generalmente costa il 20% dell’investimento per gestione di budget fino ad una certa cifra. Spesso fino a 2/3.000€ al mese. Superata questa cifra si fanno accordi personalizzati
  3. TWP, chiede il 20% dell’investimento per una pianificazione annua. Più il costo della pianificiazione, circa 500€ a salire una tantum

 

Per avere qualche riferimento sul budget da investire, tieni in considerazione che per un nuovo negozio online per vendere prodotti tipici serve spingerlo molto soprattutto all’inizio. Considera non meno di 700€ al mese di spesa su Adwords.

Su Facebook, oltre il costo di creazione della pagina e gestione, considera degli annunci promozionali. Tieni in considerazione, almeno per il primo periodo, non meno di 300€ al mese.

Hai avuto dei preventivi, che esperienza hai in merito?


 

PER APPROFONDIRE L’ARGOMENTO

leggi Foodwineweb e i commenti di chi l’ha già letto

immagine by @jenuino

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto da realizzare?

Vuoi promuoverti all'estero?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce, contattaci per un confronto.

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Bizzwai.it (Marketplace Alimentare) | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica)

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Food E-commerce: Come Vendere Online
    Food E-commerce: Come Vendere Online
    20 settembre, 2018

    Il food e-commerce sembra sia diventato una “moda”, ne sento parlare ovunque. Tutti vorrebbero vendere prodotti alimentari online. Diventa

  • Dati E-commerce Food
    Dati E-commerce Food
    18 settembre, 2018

    Stai cercando dei dati di mercato dell’e-commerce food? Nei troverai tante di statistiche online, alcune sembrano davvero ottime, i

  • E-commerce alimentare: Requisiti
    E-commerce alimentare: Requisiti
    17 settembre, 2018

    I requisiti per avviare un e-commerce alimentare Per vendere alimentari online con un e-commerce serve: Avere una p.iva commerciale

  • Food Marketing [Il Metodo Online]
    Food Marketing [Il Metodo Online]
    30 luglio, 2018

    Questo articolo nasce per 2 motivi: Perché è assurdo che Comunikafood non sia presente in una posizione decente in

3

3 commenti su “Preventivi E-commerce – Quanto Serve Per Iniziare A Vendere Online?

  • Ciao Daniele

    L’opzione Cugino la lascerei a chi crede ancora che i bambini li portano le cicogne. Molti sono convinti che qualsiasi cosa riguardi il web e’ gratis o quasi perché le piattaforme come Magento e Virtuemart sono gratuite. Appunto, sono piattaforme e metterci dentor i contenuti non e’ affatto gratis. C’e’ anche chi crede che con 1000 euro si mette su un e-comerce per prodotti biologici ma sono degli illusi perché quei soldi rischiano di spenderli in assistenza post-progetto visto che fare girare Virtuemart e Magento con gli Istituti di Credito e con una eventuale logistica esterna e tutto meno che facile ed immediato. Su Web Agency vs. Freelancer non metterei un giudizio di merito, dipende da come lavorano e come sono organizzati. Certo, che se parliamo di piccoli Produttori e di un numero limitato di referenze da offrire, l’opzione Freelancer potrebbe offrire costi altamente competitivi. Ho visto siti web fatti bene con grafica entusiasmante fatta da Freelancer per 250 euro +150 euro per l’opzione Virtuemart ma si tratta di piccole produzioni. Un altro aspetto che bisognerebbe rendere noto dall’inizio al Cliente per buona etica sono i costi relativi alle modifiche del sito per aggiungere/cambiare testi, foto, video, news, etc. E’ vero che i pannelli di controllo delle piattaforme piu’ note sono facili da usare ma se il Cliente non smozzica informatica molto bene e’ un territorio ostile ed alieno.

    Un saluto

    • Grazie Giampiero, ti rispondo con terribile ritardo.

      Trovo molto utile la tue esperienza diretta, e credo sia quello che serva realmente alle aziende per orientarsi meglio.

      A presto e grazie per essere passato da qui, ti aspettiamo ancora.

  • ciao,
    sono arrivato a questo post, proprio per qualche ricerca legato al mondo E-commerce, non che non conosca di cosa si parla, ma per vedere se ci fossero delle novità tecniche / busness in materia dell’ultimo anno.
    Devo dire che è la prima volta che vedo un post cosi semplice e diretto: le cifre potrebbero essere discutibili, ma rendono sicuramente l’idea agli utenti che vogliono buttarsi in un progetto ecommerce. Bravo .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.