Sagre e feste paesane: pochi controlli e molte proteste

3

Set 12

Sagre e feste paesane: pochi controlli e molte proteste

Negli ultimi anni il turismo enogastronomico in Italia si è fortemente sviluppato, rendendo finalmente il giusto valore all’incredibile risorsa culturale che i prodotti tipici del nostro Paese rappresentano. Secondo la Coldiretti quest’anno, complice anche la crisi economica, molti sono i vacanzieri che hanno optato per le gite fuori porta e per le sagre paesane: si tratterebbe di più di un italiano su tre con un volume d’affari di 350 milioni di euro, scaturito da circa 18 mila eventi sul territorio nazionale, pari a una media di 250 appuntamenti al giorno, cifra che sale a quasi mille nel periodo estivo.

sagra
Immagine presa da : http://www.goolliver.com/italiani-sagre-feste-di-paese/1090/

Purtroppo però questa realtà ha avuto e sta avendo sempre più anche il suo riscontro negativo. Perché successivamente a questo boom del settore sono fiorite anche moltissime sagre fittizie, messe in piedi con la vendita di prodotti facilmente reperibili, che in molti casi hanno ben poco di tipico e tradizionale per il luogo in cui sono commercializzati; oppure con la preparazione di piatti alla portata di tutti, ma realizzati con ricette e ingredienti di scarsa qualità. Quante sono le sagre della pizza, della birra, della castagna, della bruschetta, della lasagna…..?

Ecco allora che la sagra non è più quel piccolo evento attorno al quale riunirsi, socializzare e conoscere quelli che sono i tesori più o meno nascosti dell’Italia; perché la sagra è svilita, sfibrata, svuotata di significato. Come afferma giustamente Michele Corti, ruralista e docente di zootecnia montana all’Università degli Studi di Milano, Il dilagare di sagre tarocche danneggia l’immagine delle centinaia di manifestazioni che, in tutta Italia, offrono al gastronauta ortaggi, prodotti ittici, formaggi artigianali, insaccati disponibili al consumo solo in occasione della sagra, ottenuti con metodologie antiche usualmente non più utilizzabili.

Non solo: moltissime sono le proteste da parte degli esercizi pubblici e dei ristoratori che si vedono scavalcati, per due o tre mesi l’anno, dall’incredibile numero di manifestazioni gastronomiche abusive agevolate (purtroppo) dalla mancanza di una legge più rigorosa e dalla carenza di verifiche e limitazioni. In numerosi casi la Confcommercio si è fatta portavoce del problema parlando di un fenomeno dilagante, il cui scopo sarebbe esclusivamente il guadagno e che, oltretutto, non sarebbe sottoposto a controlli regolari da parte di Asl, Nas, Inail e Inps. Nel 2010 la Confederazione ha anche definito un accordo con l’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco) per il coinvolgimento degli esercenti all’interno delle feste organizzate appunto dalle Pro Loco; accordo che sembra aver avuto scarsi risultati dato il proseguimento del malcontento.

Come se non bastasse, secondo il Decreto Legge numero 5 del 9 Febbraio 2012, art.41, inerente disposizioni in materia di semplificazione, l’attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande in occasione di sagre e fiere non  e’  soggetta  al  possesso   dei   requisiti   previsti dall’articolo 71 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.  Quali erano questi requisiti? Ad esempio che il venditore non fosse stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza, oppure che non avesse riportato condanne per reati d’igiene e di sanità pubblica. La questione ha del paradossale.

Il 25 Giugno di quest’anno anche la Fiepet – Confesercenti ha promosso un tavolo di confronto sulla problematica: il dibattito si è svolto nella sede romana dell’associazione, e ha visto coinvolte istituzioni centrali e locali, sindacati ed esponenti di Slow Food. Obiettivo, come già per la Confcommercio, un patto tra commercianti, enti locali e pro loco, e l’avvio di una regolamentazione nazionale delle sagre. I rappresentanti della Confesercenti hanno presentato la bozza di un piano in tal senso. All’interno della bozza si chiede per esempio che la qualificazione di sagra sia riservata alle manifestazioni che valorizzano in maniera esclusiva i prodotti della tradizione territoriale, individuati tra quelli a marchio DOP e/o IGP e che tali manifestazioni siano organizzate sulla base di un protocollo d’intesa con le associazione del commercio del territorio.

Nella speranza che l’incontro in questo caso prosegua con esiti più fruttuosi, vorrei intanto ricordare un’iniziativa realizzata nel 2010 nell’ambito del progetto Territori in Festival, nato con la volontà di promuovere le eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. Ideatore e organizzatore del progetto sono rispettivamente il giornalista / gastronauta Davide Paolini e la società BK1 Concept Factory; l’iniziativa è il Manifesto della Sagra Autentica, di cui voglio riportare solo una breve citazione: Perché una sagra si possa definire tradizionale deve possedere almeno un passato di legame tra il prodotto e il suo territorio, documentato da tradizione orale e scritta. Tutte le iniziative culturali previste dalla sagra, infatti, devono riflettere l’obiettivo primario della sagra virtuosa, ovvero esprimere cultura e tradizione.

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

4

4 commenti su “Sagre e feste paesane: pochi controlli e molte proteste

  • tutto esatto, bell’articolo, quello che vorrei aggiungere da buon marchigiano, patria di innumerevoli sagre, è che la gente deve imparare a riconoscere le sagre tarocche! Qui da noi si fa la sagra dell spiedo trevigiano e la sagra delle cozze in montagna O.o cioè, qualche volta saremo pure raggirati da sagre fasulle ma il più delle volte basta ragionare un po’ vedere gli usi e i costumi locali e poi scegliere il meglio! E’ come un programma scadente alla tv, se non mi piace cambio canale, così deve essere la sagra: dobbiamo essere noi utenti finali a decidere e a scegliere!!!

    • Hai ragione Francesco, concordo con quanto dici. Nell’articolo mi sono concentrata su un aspetto del problema, quello appunto di chi vende prodotti nell’ambito delle sagre. Ma come dici tu, dall’altro lato “della barricata” ci sono i consumatori, tra i quali non è ancora abbastanza diffusa la cultura del cibo: persone che, purtroppo, non aprono gli occhi su sagre e prodotti di scarsa qualità, o che ancora peggio accettano consapevolmente di mangiare cibo scadente pur di abbuffarsi….

  • Giustissimo! Tante volte la gente subisce le scelte degli organizzatori, per esempio nel mio caso (da produttore di vino) ci sono delle sagre storiche locali dove magari prima giustamente si mirava più a promuovere i prodotti locali, adesso si guarda più al mero guadagno scegliendo prodotti scadenti o vino a poco prezzo magari preso in qualche stock o rimanenze di magazzino ecc E il pubblico abituato al nostro vino o di altre cantine locali, viene da noi a protestare per la scarsa qualità! Danneggiando in primo luogo noi (che abbiamo tutto l’interesse a distribuire un prodotto eccellente in quanto ci fa da pubblicità) e in secondo luogo la sagra stessa e il prodotto che si vuol promuovere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.