Sprechi alimentari: Come Fare la Spesa al Supermercato

18

Mag 13

Sprechi alimentari: Come Fare la Spesa al Supermercato

Categoria: Supermercati Online

Avete mai sentito parlare di scarti di produzione? Sicuramente questo è un concetto ben radicato nelle menti degli imprenditori agricoli, non solo per il significato intrinseco del termine ma anche per il peso economico che questi devono sostenere per smaltire questi “rifiuti”.
 
Ma se cambiassimo “l’ordine degli addendi”, siamo proprio sicuri che il risultato non cambierebbe?
 
Riassumendo, un alimento che finisce tra i rifiuti ha un costo sia economico che di impatto ambientale; per essere prodotto ha richiesto una certa quota di acqua, energia ,tempo, suolo, risorse umane, nel contempo ha prodotto delle emissioni in atmosfera a carico dei cambiamenti climatici, ha richiesto una serie di inquinanti per essere trasformato, confezionato e trasportato e la cosa non finisce qui ,ha richiesto ancora denaro per essere acquistato , nuovamente energia per essere conservato e nonostante ciò una bella fetta di questo alimento è finito nei rifiuti dove andrà a consumare altra energia ed emetterà altri inquinanti per essere smaltito.
 
Quando buttiamo un alimento, stiamo buttando via 400Km quadrati di suolo, circa 30.000 euro, 73 milioni di metri cubi acqua (www.slowfood.it).
 
Tralasciando il giro di parole, per ridurre notevolmente tutte queste spese ed emissioni in atmosfera basterebbe non pensare più a questi prodotti come rifiuti ma “ridisegnarli”.
Molti imprenditori agricoli ignorano la grande possibilità di riutilizzare gli scarti della propria produzione e, pensando di dover investire più soldi nel loro riutilizzo,  prefereriscono pagare per smaltirli nel più breve tempo possibile. Nello stesso momento tuttavia, inconsapevolmente stanno rinunciando ad una fetta di mercato.
 
Vi sono molti esempi di riutilizzo e qui ve ne riporto un paio:
Il riutilizzo dei residui di potatura: ebbene se tritati e rimescolati al terreno sono una grande fonte di sostanza organica per il suolo, permettendo di limitare così l’uso di fertilizzanti; allo stesso modo costituiscono un “bio concime” gli scarti della spremitura delle olive; vi è poi il drik del benessere,una piacevole bevanda realizzata dagli scarti di produzione della lavorazione delle mele.
 
E noi consumatori cosa possiamo fare per non sprecare cibo?
 
La risposta è davvero banale: la lista della spesa!
Che siate massaie o uomini in carriera, tutti prima o poi dobbiamo  andare a fare la spesa e nulla torna più utile, per evitare gli sprechi, di una bella lista di quanto davvero ci occorre.
 
Piccoli pratici consigli per una spesa verde sono :
 
Organizzare le idee sulla base di quello che realmente si intende consumare nei giorni successivi, tenendo ben in considerazione il numero dei partecipanti ai pasti, il numero dei pasti da consumare a casa, avendo memoria delle ricette che intendiamo preparare e quindi riportando esattamente sulla lista le quantità di ingredienti effettivamente necessarie alla realizzazione dei nostri piatti.
 
Carta alla mano siamo pronti per andare supermercato?
 

No! Se non dopo aver fatto un opportuno spuntino.
 
Sembra, infatti, che il trucco per non “sforare” da quanto riportato nella nostra lista sia fare la spesa a “pancia piena”, solo in questo modo riusciremmo a rimanere lucidi senza lasciare che l’acquolina in bocca e la fame superino la ragione.
 
Finalmente al supermercato ecco lì pronte ad accoglierci tra gli scaffali le civette.
 
Niente allarmismi, si tratta solo di strategie di marketing che prevedono il posizionamento di alcuni prodotti in offerta in opportune allocazioni tali da suggerire l’acquisto congiunto di altri prodotti.

Ci verranno poi immediatamente incontro i tre per due e a quel punto, senza equazioni matematiche da risolvere, arriva la domanda opportuna: “conviene prenderne tre per pagarne due e forse consumarne mezzo?
 
Spero di aver fornito uno spunto ad imprese e consumatori per sprecare meno energie e soldi e limitare lo spreco quotidiano. Se volete maggiori informazioni in merito, seguite la mia rubrica ” alimentazione e sostenibilità”.

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Vendita Agrumi Siciliani Online
    9 Aprile, 2019

    L’agricoltura siciliana rappresenta una realtà importante del nostro Bel Paese, la domanda estera è stata fondamentale per la crescita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.