Vendere Con i Social Media – Ti hanno preso per scemo?

19

Apr 13

Vendere Con i Social Media – Ti hanno preso per scemo?

L’argomento Vendere Online è ormai un “fenomeno” web che sta diventando un argomento importante.

Fenomeno generato per la maggioranza da un modo di parlarsi sopra senza  “ascoltare” chi poi ha “realmente” necessità di vendere online, magari, prodotti alimentari, come spesso trattiamo in questo spazio.

Alcune delle domande che spesso ci arrivano via e-mail sono:

Come posso vendere il mio vino all’estero con facebook?

Come posso vendere online con i Social media?

 

Facciamo quindi questo post per fare un po’ di chiarezza in merito ai Social Media e le vendite Online.

 

PREMESSA NECESSARIA

Vendere Online con i Social Media sta diventando una modalità di pensiero che è sbagliata nei presupposti.

Spesso si associano le attività di Social Media ad un passaparola, come se fosse il gioco del filo del telefono, te lo ricordi?

Quello che con due bicchieri di plastica connettevi le estremità con un filo e ci si parlava a distanza ravvicinata.

Non è così, se lo pensi, stai sbagliando direzione.

 

IN BREVE – A COSA SERVONO I SOCIAL MEDIA

 

  • Connettersi con le persone – Quindi stabilire contatti online come anche offline e lasciare attiva la possibilità di contatto
  • Mantenere attivo un dialogo – Quindi essere costantemente presenti alle attività online
  • Creare atmosfera attorno al proprio Brand – Quindi far partecipare le persone alle attività promozionali
  • Disintermediare il messaggio dal mezzo – La comunicazione fluida che avviene attraverso le piattaforme Social permette di stabilire un dialogo diretto, senza autorevolezza del mezzo come in TV, ma con più possibilità di profilazione e profondità di relazione innescata dal metodo di coinvolgimento

 

VENDERE CON I SOCIAL MEDIA? 

No, le persone non sono stupide come ti sembra. Sì, forse un po’ superficiali, ma non sarà con un account su Facebook, Twitter o altre robe che venderai i tuoi prodotti.

Semmai grazie ad un continuo dialogo permetterai di aumentare le probabilità che le persone vengano in contatto con te, e solo grazie alla tua bravura di venditore riuscirai a convincerli e fidelizzarli al tuo negozio.

 

 ESEMPI E CASI DI SUCCESSO DI AUMENTO VENDITE CON I SOCIAL MEDIA 

Ho trovato un esempio online di un dichiarato successo dell’uso dei Social Media in termini di incremento vendite.

Si tratta del caso McDonald’s e dell’uso di Facebook – Ha aumentato la vendita di alcuni prodotti grazie alle Offerte postate su Facebook.

Un caso simile italiano, di cui però non abbiamo dati per valutare l’azione è quella di Venchi Cioccolato che per un periodo abbiamo visto usare le “Offerte” promozionali su Facebook. Ci piacerebbe conoscere la loro storia più da vicino.

Starbuck e Red Bull usano Instagram per “coinvolgere” i propri clienti nel processo interno. Ma le vendite? Aumentano grazie a questo?

Pizzicato Bar su Facebook è molto attivo, sembra apprezzare l’uso costante dei Social Media come leva per il suo business. Ci farebbe piacere sapere più dettagli da loro. Proveremo a contattarli e vediamo cosa succede.

Un altro esempio spiegato in un’intervista di Davide Licordari è quello di Goodmakers che utilizza i Social Media come leva motivazionale per massimizzare gli acquisti abbassando il prezzo finale di gruppo.

 

COSA SI CAPISCE DA QUESTI ESEMPI

A mio avviso, il lavoro costante dei Social Media, in generale, permette di mantenere attivo un dialogo certamente influente al fine della conversione, ma non necessariamente fondamentale.

Per il settore di nostra competenza, alimentare, prodotti tipici, vino, olio extravergine e tutto il comparto enogastronomico è fondamentale, però, costruire un rapporto digitale con i potenziali acquirenti e contatti.

Il fine ultimo è quello di strutturare un modello conversazionale che porta alla fidelizzazione e permette di aumentare lo “switching cost” nella scelta di prodotti simili a prezzi inferiori.

Incentivare le vendite tramite i social media significa proporre offerte di acquisto, che le persone accettano sempre con molto interesse. Offerte che devono avere lo scopo di fidelizzare e non vendere per fare dei margini di guadagno.

Il rapporto umano, però,  è il vero valore aggiunto creato attraverso un dialogo “bidirezionale” con l’uso di piattaforme digitali e confermato da incontri fisici nei vari eventi che solidificano la conoscenza ed il rapporto.

Quindi, i Social Media fanno vendere di più? No, semmai la presenza fisica agevolata da un rapporto costante mantenuto online per mezzo dei social media facilita le vendite nel lungo termine.

L’errore più grande però è di considerare i Social Media l’unica strada per il commercio online, vendere online è un processo strutturato su più livelli, di cui i social media fanno parte, ma non sono l’intero processo.

Vendere online richiede una presenza trasversale, un Brand forte, un posizionamento “mentale”, piuttosto che sui motori di ricerca,  del proprio business e un metodo di conversare più trasparente, meno “aziendalese” e più diretto, almeno nel settore dove i prodotti tipici sono il frutto di un modo di vivere più slow, genuino e semplice.

 

Immagine da: http://www.ahmsta.com/2012/08/you-must-be-dumb-if-you-make-these-typos.html

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Migliore Enoteca Online
    25 Giugno, 2019

    In questo articolo proverò a darti una visione pratica del perché per essere la migliore enoteca online non basta

  • Vendita Agrumi Siciliani Online
    9 Aprile, 2019

    L’agricoltura siciliana rappresenta una realtà importante del nostro Bel Paese, la domanda estera è stata fondamentale per la crescita

9

9 commenti su “Vendere Con i Social Media – Ti hanno preso per scemo?

  • Un caso molto interessante è shop.valdoca.com e la gestione della pagina facebook. E’ una lunga storia fatta di corteggiamento, perseveranza, gradualità, costruzione di valore. Ma anche di formazione di persone, di investimenti necessari, di prove e di test. E come risultato c’è molto interesse, vendite conseguenti e misurabili.

    • Grazie per la segnalazione Giovannni, conosci di vicino il caso o lo segui dall’esterno?

      Sì, li seguo da tempo e vedo che fanno un ottimo lavoro. Ne conosci altri?

      • Mio fratello Alessandro ed io lavoriamo con Valdoca dal 2011. Adesso si sta iniziando una nuova esperienza, sempre su Facebook, per portare clienti in una catena europea di negozi e per sostenere le vendite online. E’ un lavoro di lungo periodo, ma funziona.Testare, insistere, perseverare e misurare sempre.

        • Ottimo, mi piacerebbe conoscere meglio l’esperienza.

  • Vendere utilizzando i social networks è possibilissimo purché le cose siano fatte bene. E Giovanni dice esattamente come stanno le cose. Formazione, investimenti, prove e contro prove, monitoraggio dei risultati, sono tutte cose alla base di ogni progetto web che si rispetti. Ad occhio sembrerebbe che in Val d’Oca le cose si stiano facendo bene, ottima presenza su Facebook, investimenti pubblicitari con Google AdWords, personale qualificato (Giovanni e il fratello), etc. etc. Tuttavia Daniele ha detto anche una piccola verità… “incentivare le vendite tramite i social media significa
    proporre offerte di acquisto, offerte che devono avere lo scopo di fidelizzare e non vendere per
    fare dei margini di guadagno”. Senza avere tra le mani i numeri del caso Val d’Oca posso immaginare che non ci siano ampi margini di guadagno per loro, l’investimento che stanno facendo non penso possa essere coperto con le sole vendite online, spero di sbagliarmi però. Quanto prosecco dovrebbero vendere per coprire l’investimento? Siccome fidelizzare ovvero fare branding ha comunque un senso in un mercato altamente competitivo come quello vinicolo, il progetto Val d’Oca può considerarsi molto valido anche con margini di guadagno ridotti o addirittura nulli.

    • Grazie Fabio per la tua riflessione, e ben tornato su Comunikafood!

      Vediamo se @giocappellotto:disqus ci dà qualche delucidazione in merito alla tua domanda.

      • Val d’Oca è un’azienda commerciale che punta al profitto come tutte le aziende.Il progetto di vendita online si misura sul lungo periodo ed è gestito con criteri stretti di contabilità industriale analitica (centri di costo, obiettivi, bilanci, verifiche costanti).Ogni iniziativa viene attentamente valutata e deve produrre risultati che contribuiscono all’utile. E’ certo che all’inizio l’azienda è stata molto lungimirante, perché ha ragionato in termini di investimento e non di puro costo. Ed oggi si vedono buoni risultati.

        • Grazie @giocappellotto:disqus per la risposta approfondita.

          Possiamo affermare che il caso particolare di Val d’Oca è un caso di eccellenza per il modo in cui valuta i processi digiitali integrati al business tradizionale.

          Qual è l’approccio corretto di un’azienda nella valutazione di un’integrazione digitale al proprio business.

          Diversificazione? Potenziamento? Ampliamento dei clienti?

        • Beh, infatti anch’io avevo parlato di investimento e non di costi, e avevo associato la vendita online all’attività di “branding” perché spessissimo si tratta di questo, Per un produttore di vino, piccolo o grande che sia, l’e-commerce dovrebbe essere visto esclusivamente come una normale attività di branding. Non a tutti i costi ovviamente.

          P.S. Ho appena letto il suo articolo “5 motivi per NON avviare un e-Commerce”, e mi son subito chiesto se il punto di pareggio in Val d’Oca fosse già stato raggiunto 🙂 A parte gli scherzi, complimenti per il progetto, e complimenti anche a Val d’Oca per il “coraggio” a prescindere dai risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.