Agropirateria. Prodotti tipici contraffatti, cosa succede?

2

Set 13

Agropirateria. Prodotti tipici contraffatti, cosa succede?

Estate: tempi di sequestri.

Basta accendere la tv in questi giorni per essere  bombardati da notizie sull’operato dei nuclei antisofisticazione alle prese con prodotti alimentari scaduti da anni o contraffatti che mettono a rischio la salute pubblica.

L’Agropirateria“, come spesso viene definita, è quella operazione illecita che vede la falsificazione delle indicazioni geografiche tutelate e delle denominazioni protette dei prodotti agro-alimentari e che  ha fatto registrare negli ultimi anni un fatturato con cifre da capogiro.

Il fenomeno è testimoniato anche dal bilancio delle attività di repressione che hanno portato al sequestro di decine di migliaia di tonnellate di prodotti agro-alimentari contraffatti.
Tutto ciò è da attribuirsi all’apertura dei mercati e alla ormai famosa bontà del “made in italy” che spinge i mercati esteri a “copiare” i nostri prodotti di maggior pregio; basti pensare a “Parmesao“, l’equivalente brasiliano del nostro Parmigiano reggiano, anche noto in Argentina come “Regianito“.

Ciò che tuttavia spesso si tende a dimenticare è che questo tipo di azioni illecite  vanno a discapito dei consumatori colpiti dai “falsi d’autore”   ma in modo particolare derubano della propria identità le tipicità del nostro caro paese, azionando oltretutto un meccanismo di vera e propria concorrenza sleale  a danno degli imprenditori Italiani.
Prodotti forse molto facili da copiare,

Ma se gli artefici dell’agropirateria fossimo anche noi stessi Italiani, emigrati all’estero con una valigia piena dei segreti delle nostre tipicità agroalimentari?

O semplicemente le tante aziende Italiane che hanno deciso di delocalizzare le proprie produzioni in quei paesi dove la materia prima è di facile reperibilità e il costo della manodopera presenta un enorme risparmio?

Beh, il gioco diventa più facile, il gusto simile, l’etichetta equivoca e la concorrenza ancora più sleale. A quanto detto si aggiunge  l’effetto catapulta dell'”Italian sounding“, prodotti alimentari che suonano un ritmo del tutto italiano ma italiani non sono.

Si presentano con nomi italiani e indossano vestiti che riportano inevitabilmente a pensare all’Italia. Sono i fratelli illegittimi della nostra mortadella, prosciutto di parma, gorgonzola ecc.

Cosa è nascosto dietro una imitazione così perfetta? La ricerca scientifica!

L’Italia infatti ha peccato nel lasciare un enorme spiraglio ai ricercatori di altri paesi che,  non solo hanno studiato per bene ogni singolo dettaglio dei nostri prodotti, ma disponendo di possibilità difficili da ritrovare in laboratori Italiani, riescono talvolta anche a stupire il pubblico immettendo sul mercato prodotti oltretutto innovativi.

Alcuni dati

Facciamo anche in questo caso di conto e andiamo a vedere a quanto ammonta il danno economico per le imprese.

Il business dell’agropirateria nei confronti delle nostre produzioni tipiche è stato stimato aggirarsi intorno ai 60 miliardi di euro l’anno.

Nel 2011 si registra che circa 50.000 aziende agricole italiane hanno dovuto chiudere a causa di fenomeni di agropirateria, non riuscendo a sostenere la concorrenza sleale delle aziende estere.
I danni non sono solo riconducibili a mancata vendita ma alle  cause che portano alla stessa.

Un prodotto “tarocco”, oltre a poter essere un rischio per la salute pubblica, induce nel consumatore una sorta di sfiducia  causata da una dubbia provenienza delle materie prime e  quindi dall’idea di  scarsa qualità  del prodotto stesso; questo si traduce per una azienda in perdita di immagine e credibilità del proprio marchio, spese legali cui deve sottostare per tutelarsi e a volte si ricade nel meccanismo contorto del lavoro nero con rischi di sanzioni e chiusura degli stabilimenti di produzione e conseguente aumento della disoccupazione.

Come difendersi?

Chi ci difende?  Gli organi ufficiali e i consorzi di tutela dei prodotti di qualità certificati. Cosa possono fare i consumatori al momento della spesa?  Leggere l’etichetta dove diventa più facile ritrovare l’origine della materia prima; ne è un esempio lampante la carne:  fare attenzione al luogo di nascita, ingrasso e macellazione degli animali; affidarsi alle certificazioni di qualità (DOC, IGP, STG);  prestare fede alla stagionalità, soprattutto per quanto riguarda frutta e verdura.

Tuttavia un dato resta forse il più importante:  il prezzo. Questo si presenta generalmente più basso  se si utilizzano materie prime di importazione.

E alla fine, ultima spiaggia, cercare di comprare in loco i prodotti tipici, magari, come in questi caldissimi giorni di agosto, approfittando delle ferie per una bella vacanza fuori porta.

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Vendita Agrumi Siciliani Online
    9 Aprile, 2019

    L’agricoltura siciliana rappresenta una realtà importante del nostro Bel Paese, la domanda estera è stata fondamentale per la crescita

1

Un commento su “Agropirateria. Prodotti tipici contraffatti, cosa succede?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.