Dove mangiare in Toscana: Arezzo e i suoi sapori

27

Ago 12

Dove mangiare in Toscana: Arezzo e i suoi sapori

Una vacanza in Toscana non significa solo ammirare opere d’arte e godere di stupendi paesaggi, ma anche poter gustare le tipiche bontà gastronomiche della regione.

A tale proposito devo dire che nel centro storico di Arezzo ho trovato l’imbarazzo della scelta: molti sono i ristorantini, le trattorie e i negozi di gastronomia che fanno salire l’acquolina in bocca spandendo deliziosi profumini per le strade e riempiendo le vetrine di specialità.

Io ho apprezzato in particolar modo due locali in cui ho mangiato.

Il primo è Il Cantuccio, sito in una delle zone principali della città, all’inizio di via Madonna del Prato dal lato di via Roma.

All’interno, il locale è arredato con quella semplice rusticità che sa di accoglienza e familiarità: le pareti realizzate in mattoncino senese a vista, decorate con vari oggetti di rame; le bottiglie di vino esposte; le sedie con lo schienale in legno e il fondino di paglia; le tovaglie disegnate a quadri. Io però essendovi stata in estate ho perso un po’ di quest’atmosfera e ho preferito sedere ad uno dei tavolini esterni.

Il servizio del ristorante è molto cortese e veloce, il personale giovane.

Per iniziare ci portano un piattino d’assaggio con quattro porzioni di polenta fritta, calda e fragrante…

Per l’antipasto, che io ho preferito tralasciare prevedendo la sostanza dei piatti scelti per primo e secondo, il menu dice Antipasto misto toscano: immagino quindi si tratti dell’immancabile tagliere di salumi e formaggi toscani.

Vanto del locale è innanzitutto la pasta, fatta rigorosamente a mano. Io ho gustato un piatto di pici con pomodoro, basilico e scaglie di parmigiano: delizioso nella sua semplicità grazie allo spessore e alla ruvidità della pasta che assorbe il sugo denso e corposo. Ma per qualcosa di più particolare, i pici si possono gustare anche con burro e salvia, tartufo, sugo di cinghiale o di funghi. Oltre alla pasta, tra i primi piatti ve ne sono altri che ricordano la tradizione toscana, come la zuppa di farro. Il menu propone inoltre qualche gradita intrusione della classica cucina emiliana, tra cui le tagliatelle e i cappelletti in brodo.

Ancora più ricca la scelta dei secondi, soprattutto (ovviamente) per quanto riguarda i piatti di carne (trippa in umido, salsicce con fagioli all’uccelletto, stinco di prosciutto arrosto, bollito misto con verdure lesse) mentre per il pesce c’è il baccalà con ceci alla livornese. Durante la mia cena (l’unica in questo ristorante purtroppo, era il mio ultimo giorno ad Arezzo) ho optato per l’arista in porchetta, una bontà da assaporare in religioso silenzio, tra l’alternanza dei bocconi di crosta, saporiti e croccanti, e quelli che si sciolgono lentamente in bocca, nella parte centrale delle tenere fette di carne.

Arista in porchetta

Infine, i dolci: purtroppo quella sera non era disponibile il pigliamisù, particolare rivisitazione del tiramisù. Oltre agli storici cantucci con il vinsanto, vi è la possibilità di concludere con torta di mele, crostate o frutta. Mancando il pigliamisù, per il quale avrei volentieri trovato ancora uno spazietto nello stomaco, ho limitato la scelta alle pesche con lo zucchero a velo.

L’altro locale dove ho mangiato è La Fiaschetteria De’ Redi, anche questo in centro storico, ma in una via minore, Via Francesco Redi, tra Via Madonna del Prato e Corso Italia.

Qui l’arredamento interno è più essenziale e la scelta del menu più ristretta, ma si ha comunque la possibilità di mangiare specialità del luogo più o meno sfiziose in una caratteristica trattoria toscana.

Nello specifico, si possono gustare sostanziosi taglieri di salumi e formaggi oppure piatti di bruschette con vari abbinamenti (io ho provato quelle con noci e pecorino, anche questo un nutriente antipasto!); insalatone miste, dalle più tradizionali con tonno e pomodori a quelle in cui si ritrova il contrasto dolce/salato; piatti di formaggi fusi nel coccio con verdurine e sottaceti.

formaggio al coccio

Oltre a queste pietanze, un menu a parte indica primi e secondi che si possono trovare giornalmente, come ad esempio dei buonissimi gnudi di ricotta e spinaci con pecorino fuso o con un più leggero sugo di pomodoro.

Per quanto riguarda i prezzi, per entrambi sono abbastanza alti, ma per una volta credo ne valga la pena!

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Migliore Enoteca Online
    25 Giugno, 2019

    In questo articolo proverò a darti una visione pratica del perché per essere la migliore enoteca online non basta

2

2 commenti su “Dove mangiare in Toscana: Arezzo e i suoi sapori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.