Scacco matto dei Piccoli vignerons

2

Mar 15

Scacco matto dei Piccoli vignerons

 

Milano, 21-23 Febbraio 2015, Palazzo del ghiaccio.

Ad entrare in scena sono i piccoli vignerons, gente che suda in vigna e cura personalmente tutte le fasi della filiera produttiva con l’amore che solo un genitore sa dare al proprio figlio. Producono vini non convenzionali e per certi versi fuori dagli schemi, figli di un approccio che al più prevede rame e zolfo in vigna: il protagonista assoluto è l’uva e i ‘correttori’ tanto usati e poco dichiarati dalla viticoltura dei grandi numeri sono evitati come la peste.

I loro, vengono definiti superficialmente come vini di tanta sostanza e poca eleganza (se ne escono sempre con ste puzzette!), c’è però da dire che se te ne scoli una bottiglia a cena, il giorno dopo sei bello che pronto e pimpante per il tram tram quotidiano senza cerchio alla testa e mattoni di terracotta che ti piombano sul cranio da tutte le direzioni.

Oltre 150 espositori, una cornice di primissimo piano, moderna, essenziale e con una sala degustazione che osserva e si fa osservare da tantissimi enocuriosi, presentatisi anche solo per concedersi un buon calice di vino dopo una intensa giornata lavorativa.

Tutte micro realtà produttive, più o meno conosciute agli addetti e non del settore.

La cosa che maggiormente mi colpisce è che sembrano ormai lontani i tempi in cui a vini decisamente interessanti facevano capo etichette tanto sconvolgenti, da sembrare riesumate da vecchi armadi infestati di naftalina. Si sperimenta, lo si fa in alcuni casi con azzardo, in altri con razionalità e in altri ancora con quel fare un po’ impacciato tipico di chi ce la mette tutta ma non ha ancora trovato la retta via.

Fonte: Az. Agricola "Il Pendio"

Az. Agricola IL PENDIO: Michele Loda è un attento comunicatore, si scusa se non riesce a seguire e illustrare personalmente il suo “progetto” a qualche visitatore; poco importa però, c’è sua moglie che con aria simpatica invita all’assaggio chiedendo conferma a suo marito che ciò che ha detto corrisponda al vero o meno: – aspetta che chiedo se è così o meno, sto imparando troppe nozioni e non vorrei dir fesserie! –.

Prodotti sobri, eleganti, puliti, grande beva, nerbo acido in primo piano, finezza olfattiva e gran voglia di finire la bottiglia. Particolarmente piacevole il Blanc de noir: etichetta molto lineare ma gratificante nella sua sobrietà, direi perfetta rispondenza tra aspettative comunicateci dal packaging e sensazioni post-gustative.

Una certezza: conservatene sempre una bottiglia in casa e non sbaglierete mai!  

Casa Caterina: Aurelio del Bono è un omone dal tipico accento lombardo, occhialini rossi, mani grandi quanto pale meccaniche e tanta tanta energia. Lui è uno di quelli che osa, spinge, azzarda, sia con vitigni che con le permanenze sui lieviti: il loro prodotto base CUVÈE 60 NATURE, trascorre cinque anni sui lieviti. Non sto neppure a raccontarvi invece il pinot noir e il pinot meunier che ci rimangono dieci anni!

Ah dimenticavo: BRUT SEC DEMY OUT STYLE, 144 mesi sui lieviti per la presa di spuma, solo magnum e una complessità figlia di una evoluzione più unica che rara per il mercato italiano . In questo caso volontà di azzardare, complessità e voglia di collocarsi nell’estremo sono, a mio avviso, le caratteristiche su cui far riferimento per definire i vini di Aurelio.

Packaging che fonde innovazione e tradizione, etichetta estremamente elegante e contro-etichetta scritta a mano dal produttore, indice di artigianalità ricercata in ogni singolo step della filiera.

 

Tenuta Thomas Niedermayr: novità assoluta per materia prima e sensazioni gustative. Parliamo di una tenuta immersa nel paesaggio idilliaco del bosco misto delle “Buche di Ghiaccio”, nella parte meridionale del Schulthaus (BZ).Siamo di fronte ad una piccola azienda che lavora esclusivamente varietà unconventionally: le PIWI.

Sono varietà sviluppate dal centro sperimentale di Friburgo, derivanti da incroci effettuati tra vitis vinifera e varietà di vite americane resistenti alle malattie fungine. Ne emerge una qualità in grado di combinare la resistenza delle varietà americane alla qualità dei vini ottenuti dalle varietà europee.

Molto interessanti tutti gli assaggi, decisamente accattivanti, con un bel frutto sempre in evidenza, morbidezze e linearità di beva che rendono i vini estremamente piacevoli e mai ostici nelle durezze. Emerge in particolar modo il Souvignier gris 06 Maischegärung: 300 bottiglie prodotte e vino in commercio a partire da aprile 2015. Scoprire prodotti così particolari per via del loro DNA è di per sé una sorpresa, figuriamoci poterne trovare qualche bottiglia in enoteca: se le beccate provatele!

Piccolo particolare: tappo stelvin per tutti i prodotti e numero su ogni etichetta indicante l’annata di impianto della vigna da cui provengono le uve.

MOVIA (Slovenia): quegli amori a prima vista che non si dimenticano facilmente.

 

Tutti, dico tutti i suoi vini sono impossibili da evitare (gusti personali, sia chiaro!). Ottava generazione di vignaioli, 22 ettari di terreno arroccato sul Collio, per metà in quello italiano.

PURO ROSÈ, Pinot Nero 70%, Pinot Grigio 10%, Ribolla 20%, gusto suadente, il frutto nella sua delicatezza e fragranza amplifica la piacevolezza del sorso, si integra perfettamente al nerbo acido che dona freschezza, spinta propulsiva nella beva e crea una bolla che per versatilità si rende perfetta per ogni occasione.

Innovativo posizionamento in tema di differenziazione lo si è ottenuto con il degorgeman fai da te’: si degorgia (eliminare i lieviti ormai esausti dopo la presa di spuma) personalmente in un recipiente colmo d’acqua per separare i lieviti dal vino che andrà bevuto.

Il VELIKO BIANCO invece, da uvaggio Ribolla 70%, Sauvignon 20%, Pinot Grigio 10% è solo poesia!

Come in ogni circostanza che si rispetti, non possiamo negarci il piacere delle coccole di un fine pasto tutto dolce.

Immaginate di avere il compito di dover scegliere due vini dolci di due regioni, l’una l’opposto dell’altra completamente diversi: bene, prendete un righello, una matita e tracciate una linea che va da Savorgnano del torre (UD)  a Punta dell’Ufala sull’Isola di Vulcano.

Marco Sara è un giovane e simpatico vignaiolo friulano, sempre educato e disponibile, sperimentatore di vinificazioni con uve attaccate da botrite che solo in alcuni casi diventa muffa nobile. Il suo PICOLIT, per il 30% composto da uve botritizzate, è l’emblema della finezza, l’esempio di dolcezza perfettamente bilanciata con una freschezza disarmante. Il cumino, la frutta secca mai prorompente, i sentori agrumati che snelliscono il naso e tanta tanta ampiezza a soddisfare un bevitore letteralmente rapito da cotanta bontà. Pochissime bottiglie da 50 cl, un piccolo tesoro da custodire, dimenticare in cantina e riesumare per le grandi occasioni.

Paola Lantieri invece, è una donna che ha ridisegnato splendide vigne ormai dismesse a Punta dell’Ufala, sull’Isola di Vulcano. Vigne che osservano tutto l’anno le Eolie nel loro splendore, vigne che prendono da madre natura il calore del Sud, la brezza e la salsedine marina e restituiscono a noi bipedi inermi tutta la Sicilia concentrandola in una bottiglia. A Milano c’era sua figlia, dagli occhi profondi e dai tratti mediterranei, una ragazza sempre disponibile e gentile che condivideva il banco d’assaggio con un altro grande siciliano che di nome fa Nino Barraco. Pochissime bottiglie vinificate sulla ‘Sicilia grande’ per assenza di macchinari, mancanza di spazio e anche per conferire a questo vino quell’unicità che lo dipinge come il figlio che va via di casa per cercare realizzazione altrove.

 

Le uve raccolte vengono posizionate sui graticci, lasciate appassire al sole mentre la brezza le accarezza, dopodiché vengono caricate su imbarcazioni che le portano a Salina dai Virgona, dove vengono vinificate e trasformate in prezioso nettare.

Veste dorata, naso maturo caratterizzato da fichi e albicocche secche, miele, agrumi canditi, datteri, e una mineralità che congiuntamente ai toni salmastri rievoca il luogo di provenienza.

La tre giorni volge al termine, lascio Milano ripensando a come ogni singolo vignaiolo sia riuscito a fornirmi un’esperienza unica nel suo genere e di come abbia saputo raccontare una storia e una filosofia di vita sposata e portata avanti quotidianamente con passione e dedizione. Ripenserò alla grande vitalità e simpatia di alcuni, alla pacatezza di altri ancora ma in ogni caso ne ammirerò di ciascuno, la passione con cui svolge imperterrito il proprio lavoro e porta avanti una ideologia di vita: rispettare la natura e provare a renderla accessibile all’uomo in tutte le sue sfaccettature.

Comunikafood consulenza ecommerce alimentare

Hai un progetto e-commerce da realizzare?

Vuoi ottenere più traffico profilato sul tuo sito e-commerce?

Vuoi avere contatti da privati che vogliono comprare alimentari online?

Fai subito una Simulazione del ROI del tuo E-commerce (Clicca qui)

Noi ci occupiamo di posizionamento commerciale, analisi e sviluppo progetti e-commerce applicando un business plan per e-commerce, contattaci per un confronto. Guarda la mia intervista

Senza troppi giri di parole, dopo una prima analisi del tuo progetto, ci renderemo conto se possiamo davvero aiutarti ad ottenere risultati, in termini di incremento di conoscenza del tuo marchio, di lead (contatti commerciali) e/o di vendite attraverso un circuito che passa anche dall'e-commerce (ma non solo)

Gestiamo campagne su Google Ads con specialisti accreditati come Google Partner

*Leggi Cosa dicono di noi*

Contatti rete fissa: +39.0932644839 (Davide) - Ufficio Roma (Mobile): +39 3288468204 (Daniele)

Fornisco il consenso al trattamento dei dati ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” e del GDPR (Regolamento UE 2016/679). (Leggi l'informativa sulla privacy)

Accetto di poter ricevere altre comunicazioni di carattere commerciale da parte dello staff di Comunikafood o di altri partners commerciali che offrono servizi correlati (Leggi condizioni) AccettoNo, non accetto.

I dati verranno raccolti solo per poter fornire maggiori informazioni sul progetto Comunikafood e/o proporre offerte commerciali. Qualora non ci fosse volontà di consentire all'uso dei dati per tale finalità i dati raccolti non verranno presi in gestione e verranno rimossi dal sistema di raccolta. Qualora si desiderasse rimuovere il consenso o cancellare il proprio contatto dalla lista dopo aver accettato, basterà inviare una email a [email protected] ed il vostro contatto verrà rimosso. In tal caso il contatto verrà cancellato dal nostro servizio di posta elettronica e non verrà utilizzato in nessun altro modo. Esclusivamente per comunicazioni non commerciali scrivere sulla nostra pagina Facebook. Le informazioni per vendere online o per aprire un e-commerce sono richieste commerciali a cui non risponderemo dalla pagina Facebook.

Consulente e-commerce e vendita online: Daniele Vinci

Mi occupo di marketing per le aziende che vogliono sfruttare l'e-commerce per vendere online. Ho costruito Comunikafood nel 2011 ed oggi è il portale italiano più presente sui motori di ricerca riguardo le tematiche "Come vendere alimentari online", "ecommerce alimentari" e "marketing alimentare". Se cerchi su Google queste tematiche ti accorgerai della presenza rilevante di Comunikafood. Insieme alla mia squadra, di cui io sono il web project manager, curiamo progetti Seo per migliorare la presenza digitale delle imprese online rispetto agli argomenti di loro interesse. Curiamo le attività di promozione attraverso i circuiti di pubblicità online e pianifichiamo le attività necessarie per costruire un progetto commerciale online. Altri progetti di cui sono parte: Essereprimi.online | Reportnotprovided.com (Report Marketing e Analisi Seo) | 3nastri (Comunicazione e identità grafica) Lavoriamo come Google Partner

COME È POSSIBILE SAPERNE DI PIÙ

Se ciò che hai letto ti è sembrato interessante e vorresti approfondirlo per metterlo in pratica con la tua azienda agricola o con il tuo progetto e-commerce per vendere online;

Allora sappi che ti possiamo supportare per almeno 1 mese e fornirti le risposte che fino ad oggi non sei riuscito a trovare online. Di seguito alcune delle domande più frequenti che riceviamo:

  1. Come faccio a sapere se il mio sito web “funziona”?
  2. Quanto devo investire realmente per guadagnare?
  3. Quanto tempo ci vuole per vendere online?
  4. Ma se investo 1.000€ ho la certezza di vendere?
  5. Come si acquisisce un cliente online?
  6. Quanto costa acquisire un cliente online?
  7. Come si ottimizzano le campagna Google Adwords?
  8. Come posizionarsi meglio online con un e-commerce?
  9. Quali sono le attività necessarie per sviluppare un progetto di vendita attraverso il web?

Leggi cosa dicono di noi

OTTIENI UNA CONSULENZA PRATICA

 

  • Migliore Enoteca Online
    25 Giugno, 2019

    In questo articolo proverò a darti una visione pratica del perché per essere la migliore enoteca online non basta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.